Flatulenza e fitoterapia

Flatulenza e fitoterapia

flatulenza

flatulenza

La fitoterapia è utile nella flatulenza e in particolare come modulatore naturale del sintomo.La flatulenza è un disturbo gastrointestinale associato a un’eccessiva produzione e accumulo di gas intestinale. La quantità dei gas nella flatulenza è mal regolata dalla loro produzione durante la digestione intestinale e dalla loro evacuazione. L’eccessiva produzione di aria addominale, dunque di flatulenza, è influenzata dalla durata del transito degli alimenti, dalla qualità degli alimenti, dalla quantità, degli alimenti, dai tempi di masticazione, dalla tendenza a ingoiare aria a causa dello stress. Si è notato che, per una stessa quantità di aria, certe persone si sentono troppo gonfie e altre no, quindi vi è un fattore di tolleranza al flatulenza molto soggettivo. Il flatulenza può però essere il primo sintomo di malattie anche gravi del apparato digerente, pertanto è consigliabile sempre una visita medica per escludere o includere questa seppur rara evenienza, che perchè molto significativa per la terapia.

La flatulenza oltre alle molte cause fisiche è certamente una delle risposte pù comuni allo stress reale o percepito. Il sistema digestivoè come un sismografo dei campi emozionali connesse alla vita. La flatulenza si esprime con produzione di gas e distensione dolorosa della parete addominale. L’emissione di gas maleodoranti volontaria o involontaria rappresenta il tentativo di liberarsi di un conflitto malsano anche livello somatico. Appare evidente che il flatulenza oltre a cure specifiche richiede anche consapevolezza sulle problematiche personali connesse.

I rimedi più frequenti impiegati in fitoterapia per il trattamento del flatulenza sono:

Carbone Vegetale (Carbo vegetabilis), ha prevalentemente un’attività adsorbente. Il Carbone ha una elevata capacià di assorbire diverse sostanze dal tratto digerente.

Angelica (Angelica archangelica), si utilizza la radice a scopo antidispeptico, spasmolitico e carminativo dell’apparato digerente.

Melissa (Melissa officinalis), la Melissa svolge un’azione prevalentemente antispastica e antinfiammatoria dell’intestino agendo soprattutto nelle somatizzazioni ansiose a livello dell’apparato gastrointestinale.

Finocchio (Phoeniculus vulgaris), viene impiegato quale olio essenziale e come estratto secco dall’attività sinergica nei fitopreparati. Carminativo nei disturbi digestivi, viene spesso inserito nella composizione di preparati lassativi proprio per contrastare i crampi causati dal loro impiego; molto efficace nell’attenuare flatulenza e flatulenza, apprezzato anche nelle coliche gassose del lattante.

Anice (Pimpinella ansium) il principio attivo è contenuto nell’olio essenziale dei suoi frutti. L’anice è ritenuto uno dei rimedi naturali più efficaci nella regolazione dei processi digestivi. Antispasmodico, antifermentativo, carminativo, digestivo. Regola la motilità intestinale e in caso di flatulenza aiuta l?espulsione dei gas dall’apparato intestinale.

Carvi (Carum carvi), il suo olio essenziale ? uno dei pi? potenti ed efficaci rimedi carminativi, molto apprezzato in diverse culture e da tempi lontani, spesso impiegato in cucina dove al suo pregio aromatico si unisce quello curativo e preventivo nei processi digestivi.

I rimedi di fitoterapia adottati per la cura dei pazienti hanno un ruolo importante nel trattamento di molte malattie e possono contribuire a ridurre un eventuale fabbisogno di farmaci per via sistemica. La fitoterapia richiede una conoscenza profonda delle piante per poter prescrivere rimedi in terapia. La prescrizione di fitoterapia richiede, esami clinici, valutazione dei sintomi e delle cause, diagnosi, conoscenza dei rimedi adatti al paziente, conoscenza di tutte le altre forme di terapia per la quali la fitoterapia possa costituire alternativa o integrazione.  L’ iscrizione presso l’ Ordine dei Medici, oggi consultabile anche online, permettono una verifica semplice sull’operatore.  La fitoterapia non si contrappone ne sostituisce le linee guida della medicina convenzionale, ma stabilisce con esse una virtuosa sinergia.

Dott. Fabio Farello, Fitoterapia a Roma