Raffreddore stagionale e omeopatia

Raffreddore stagionale e omeopatia

raffreddore

raffreddore

Nella prevenzione e terapia del raffreddore stagionale può a essere inclusa l’ omeopatia per la stimolazione immunitaria e la gestione dello stress patito. L’omeopatia  è apprezzata per la sua efficienza priva di effetti collaterali degni di nota. Il raffreddore stagionale è una malattia caratterizzata prevalentemente da sintomi respiratori e/o intestinali. I pazienti affetti da raffreddore stagionale accusano generalmente febbre, tosse, raffreddore, dolori articolari, dolori muscolari e talvolta sintomi  intestinali. Nel singolo paziente si possono manifestare alcuni dei sintomi indicati e non altri a seconda della sensibilità personale e delle caratteristiche epidemiche. Collabora all’insorgenza della malattia un virus RNA della famiglia degli Orthomyxoviridae.. La malattia dura pochi giorni e guarisce spontaneamente in molti soggetti.

Talvolta il raffreddore stagionale slatentizza altre malattie, originando in quei singoli casi problemi sanitari considerevoli. In tutti gli altri casi però il raffreddore stagionale guarisce anche spontaneamente dopo pochi giorni, lasciando al massimo una stanchezza o astenia. In caso di raffreddore stagionale ci si rivolge al medico per ogni valutazione personale. Gli osservatori  epidemici  rilevano vere e proprie onde di propagazione del raffreddore stagionale.  La medicina convenzionale nel raffreddore stagionale applica terapia sintomatica. Si impiegano farmaci antifebbrili, antidolorifici e antibiotici per la copertura delle eventuali superinfezioni batteriche. In questo contesto l’ omeopatia può essere associata agli strumenti convenzionali sia per la terapia, che per la prevenzione del raffreddore stagionale. I pazienti da includere correttamente nei protocolli di trattamento esclusivamente basato sull’ omeopatia riguardo raffreddore stagionale, non sono però portatori di rischi sanitari particolari, per i quali vale la regola di associare l’ omeopatia al trattamento secondo linee guida convenzionali.

L’ omeopatia possiede una serie di rimedi indicati per i sintomi raffreddore stagionale tra i quali ricordiamo: aconitum, apis, belladonna, euphorbium, eupatorium, gelsemium, elaps, lachesis, pyrogenium, sabadilla, sticta, veratrum, sulfur. La scelta di quale rimedio di omeopatia e a quali dosi siano indicate nel trattamento deve essere riservata ad un medico omeopata. Egli si avvale per questo lavoro di una visita medica completa, e per quanto riguarda la scelta del rimedio di omeopatia di uno strumento denominato repertorio omeopatico.  Il rimedio di omeopatia adottato per la cura dei pazienti ha generalmente la formulazione di globulo perlinguale. L’ assorbimento dei rimedi avviene pertanto in bocca. L’ omeopatia possiede oltre il globulo tutte le altre possibili formulazioni dei suoi rimedi, inclusa l’ omeopatia iniettabile. L’ omeopatia iniettabile ha un ruolo importante nel trattamento delle malattie più impegnative e può contribuire a ridurre un eventuale fabbisogno di farmaci per via sistemica. L’ omeopatia è prescritta e somministrata da un medico esperto.  L’ iscrizione presso l’ Ordine dei Medici e presso il Registro dei medici che praticano  omeopatia, sono una indicazione per il paziente sulla qualità della formazione ricevuta dell’operatore.  L’ omeopatia  non si contrappone ne sostituisce le linee guida della medicina convenzionale, ma stabilisce con esse una virtuosa sinergia.

Dott. Fabio Elvio Farello, Omeopatia   a Roma