Piorrea e omeopatia iniettabile

Piorrea e omeopatia iniettabile

piorrea

piorrea

L’ omeopatia iniettabile si applica nel trattamento della piorrea e con  infiltrazioni gengivali e su punti di agopuntura di rimedi naturali privi di effetti collaterali indesiderati. L’ omeopatia iniettabile consiste nell’infiltrazione di rimedi appositamente formulati, su punti di agopuntura indicati per gli obiettivi del trattamento. L’ omeopatia iniettabile appartiene in medicina biologica alle forti stimolazioni, senza per questo perdere la caratteristica elevata tollerabilità. La piorrea è una infiammazione dei tessuti gengivali, caratterizzata da gonfiore, arrossamento, calore e sanguinamento conseguenti all’accumulo di placca.  La piorrea è una patologia gengivale meno reversibile delle semplice gengivite, in quanto l’infiammazione non è più contenuta nella gengiva bensì coinvolge tutti i tessuti parodontali. Le specie batteriche che compongono la placca, depositandosi sulle superfici dure del dente, possono essere implicate nella piorrea .

L’accumulo di placca lungo il margine gengivale scatena una reazione infiammatoria dei tessuti molli. Il tartaro non sembra svolgere un’azione diretta contro la gengiva, ma favorendo l’adesione e l’accumulo batterico generalmente aggrava il quadro clinico. Il deposito di batteri sulle superfici dentali permette l’infiammazione nella piorrea.  La prevenzione della piorrea  consiste in un’instancabile igiene orale. La pulizia dei denti, e l’utilizzo del filo interdentale per rimuovere la placca dalla zona della papilla gengivale è essenziale. La medicina convenzionale prescrive antibiotici nella piorrea e piorrea e interventi odontoiatrici. L’ omeopatia possiede una serie di rimedi indicati per la gengivite  utili anche nella piorrea tra i quali ricordiamo: cistus canadensis, lycopodium, psorinum, silicea, tubercolinum, natrium nitricum, mercurius, rathania, kreosotum e sulfur. La scelta di quale rimedio di omeopatia e a quali dosi siano indicate nel trattamento effettivo di una piorrea o piorrea deve essere riservata ad un medico omeopata. Egli si avvale per questo lavoro di una visita medica completa, diagnostica strumentale convenzionale e per quanto riguarda la scelta del rimedio omeopatico di uno strumento denominato repertorio di omeopatia. Una volta il repertorio era un grande libro sulla scrivania del medico omeopata, oggi si tratta di un data base presente nel suo computer.

I rimedi di omeopatia adottati per la cura dei pazienti hanno generalmente la formulazione di globulo perlinguale. L’ assorbimento dei rimedi avviene pertanto in bocca. L’ omeopatia possiede oltre il globulo tutte le altre possibili formulazioni dei suoi rimedi, inclusa l’ omeopatia iniettabile. L’ omeopatia iniettabile ha un ruolo importante nel trattamento delle malattie più impegnative e può contribuire a ridurre un eventuale fabbisogno di farmaci per via sistemica. I rimedi di omeopatia iniettabile sono infiltrati localmente, ma sopratutto su punti di agopuntura. L’omeopatia iniettabile sfrutta pertanto una sinergia più che additiva tra omeopatia e agopuntura. L’ omeopatia iniettabile  è prescritta e somministrata da un medico esperto.  L’ iscrizione presso l’ Ordine dei Medici e presso il Registro dei medici che praticano  agopuntura e omeopatia, sono una indicazione per il paziente sulla qualità della formazione ricevuta dell’operatore.  L’ omeopatia  non si contrappone ne sostituisce le linee guida della medicina convenzionale, ma stabilisce con esse una virtuosa sinergia.

Dott. Fabio Elvio Farello, Omeopatia iniettabile  a Roma