Cibi acidi e cibi alcalini

Cibi acidi e cibi alcalini

In nutrizione clinica la valutazione dei cibi acidi e cibi alcalini è essenziale per impostare sequenze nutrizionali coerenti la terapia del paziente. L ‘organismo umano attua giornalmente una serie di meccanismi di regolazione per controllare

cibi alcalini

cibi alcalini

 

l’omeostasi di numerosi parametri quali anche il pH. Il pH è una scala di misura dell’acidità di una soluzione acquosa. L’organismo ha come obiettivo primario quello del mantenimento del pH all’interno di un range molto ristretto. Questa necessità è ottemperata anche a scapito di altri parametri, organi o apparati, perché modeste alterazioni del pH non sono compatibili con la vita. Pur di mantenere il pH costante, l’organismo può pertanto anche ammalare. Questa priorità è di fondamentale importanza per comprendere la genesi di diverse patologie e le possibilità nutrizionali di interferire terapeuticamente. Un controllo delle conseguenze sul pH a seguito dell’assunzione di cibi e\o cibi alcalini è un pertanto un parametro rilevante della nutrizione clinica. Il PRAL o Potential Renal Acid Load di un cibo è calcolato in base al contenuto di tale cibo in proteine, fosforo, potassio, magnesio e calcio, tenendo conto delle capacità di assorbimento intestinale dei singoli microelementi. I cibi acidi sono gli alimenti a PRAL positivo, ovvero quelli in cui prevale la componente acidificante. I cibi alcalini sono quelli a PRAL negativo che hanno invece un carattere alcalinizzante. Il bilanciamento tra cibi acidi e cibi alcalini della nutrizione è indicativo per il benessere del paziente. I cibi acidi o alcalini della nutrizione agiscono tendenzialmente sul lungo periodo. Squilibri verso i cibi acidi nella nutrizione praticata con produzione netta di acido endogeno dipendono in misura preponderante dal tenore di acidi organici, valutato solitamente attraverso la misura dell’escrezione acida netta o NAE, Net Acid Excretion. L’utilizzo del PRAL per la valutazione del potenziale di cibi acidi indotto dalla nutrizione è indicatore di una dieta salubre e coadiuva il trattamento degli stati di acidosi metabolica.  Leggi tutto...

Carico glicemico e pral

Carico glicemico e pral

Il carico glicemico e il pral degli alimenti sono parametri rilevanti nella valutazione delle sequenze indicate in nutrizione clinica per il singolo paziente. Gli alimenti impiegati nella nutrizione clinica sono descritti principalmente da due parametri: Il carico glicemico e il Pral. La nutrizione è personalizzata alla composizione corporea del paziente con  precisi carichi glicemici e PRAL degli alimenti impegnati nelle sequenze nutrizionali. La diagnosi differenziale tra diverse condizioni tramite la bioimpedenziometria è necessaria per stabilire il corretto impiego dei parametri indicati per l’alimentazione del soggetto esaminato.

Il Carico glicemico, Glicemic Load:

pral

Pral

 

L’aumento della glicemia in seguito all’assunzione di un pasto è determinato dalla quantità e dalla qualità degli zuccheri assunti. Il carico glicemico o Glicemic Load GL è un valore che permette di formulare una previsione sull’andamento della curva glicemica in seguito all’assunzione di un alimento o di un pasto complesso. I carichi glicemici pari a 1 corrispondono all’assunzione di un grammo di glucosio. La regolazione del carico glicemico ha effetti positivi sul metabolismo di carboidrati, lipidi, amminoacidi. Contribuisce anche al miglioramento della funzione renale e favorisce una migliorata attività di fermentazione al livello del colon. Gli alimenti a basso carico glicemico, grazie all’aumento dei tempi di digestione, riducono inoltre l’appetenza.

Pral , Potential Renal Acid Load

Il PRAL di un cibo è calcolato in base al suo contenuto in proteine, fosforo, potassio, magnesio e calcio, tenendo conto delle capacità di assorbimento intestinale dei singoli microelementi. Gli alimenti a PRAL positivo sono quelli in cui prevale la componente acidificante, mentre quelli a PRAL negativo hanno un carattere alcalinizzante. Il bilanciamento acido-basico dell’alimentazione è indicativo per il benessere del paziente. Il carico acidificante o alcalinizzante dell’alimentazione agisce tendenzialmente sul lungo periodo. Squilibri acidificanti della dieta, la produzione netta di acido endogeno dipende in misura preponderante dal tenore di acidi organici, valutato solitamente attraverso la misura dell’escrezione acida netta (NAE, Net Acid Excretion) L’utilizzo del PRAL per la valutazione del potenziale acidificante indotto dalla dieta, produce delle indicazioni compatibili con qualunque indicatore di una dieta salubre, e coadiuva il trattamento degli stati di acidosi metabolica.  Leggi tutto...

Potential Renal Acid Load e dieta

Potential Renal Acid Load e dieta

Potential Renal Acid Load

Potential Renal Acid Load

La dieta coerente per ogni singolo paziente è valutata tramite il carico glicemico e il PRAL Potential Renal Acid Load degli alimenti inseriti nella sequenza nutrizionale. La curva di risposta metabolica di un individuo nell’arco delle ventiquattro ore è la premessa per una strategia nutrizionale personalizzata e mirata sia al benessere sia alla correzione dei processi patologici implicati dallo stile alimentare praticato. Una delle caratteristiche fondamentali della dieta coerente oltre alla valutazione del PRAL Potential Renal Acid Load e del carico glicemico è costituita dal metodo d’indagine. L’ analisi della composizione corporea, la rilevazione strumentale dei parametri metabolici ed endocrini sono la premessa per una valutazione oggettiva del soggetto preso in esame. Un alto livello di precisione ed efficienza nella valutazione della funzione metabolica permettono di definire gli obiettivi di benessere raggiungibili dal paziente con la dieta. La dieta coerente è un approccio all’alimentazione basato sugli studi di nutrizione clinica. Gli alimenti impiegati nella dieta coerente sono descritti principalmente da due parametri: Il carico glicemico e il PRAL Potential Renal Acid Load. Il carico glicemico o Glicemic Load GL è un valore che permette di formulare una previsione sull’andamento della curva glicemica in seguito all’assunzione di un alimento o di un pasto complesso. I carichi glicemici pari a 1 corrispondono all’assunzione di un grammo di glucosio. Il PRAL Potential Renal Acid Load di un cibo è calcolato in base al suo contenuto in proteine, fosforo, potassio, magnesio e calcio, tenendo conto delle capacità di assorbimento intestinale dei singoli microelementi. Gli alimenti a PRAL Potential Renal Acid Load positivo sono quelli in cui prevale la componente acidificante, mentre quelli a PRAL Potential Renal Acid Load negativo hanno un carattere alcalinizzante.  Leggi tutto...

Alimentazione, carico glicemico e pral

L’ alimentazione coerente per ogni singolo paziente è valutata tramite il carico glicemico e il pral degli alimenti inseriti nella sequenza nutrizionale. La curva di risposta metabolica in un individuo nell’arco delle ventiquattro ore è la premessa per una strategia nutrizionale personalizzata e mirata sia al benessere sia alla correzione dei processi patologici implicati dallo stile alimentare praticato. Una delle caratteristiche fondamentali dell’ alimentazione coerente oltre alla valutazione di pral e carico glicemico è costituita dal metodo d’indagine. L’ analisi della composizione corporea, la rilevazione strumentale dei parametri metabolici e endocrini sono premessa per una valutazione oggettiva del soggetto preso in esame. Un alto livello di precisione ed efficienza nella valutazione della funzione metabolica permettono di definire gli obiettivi benessere raggiungibili tramite l’ alimentazione suggerita al paziente. L’ alimentazione coerente è un metodo basato su gli studi di nutrizione clinica. Gli alimenti impiegati nell’ alimentazione coerente sono descritti principalmente da due parametri: Il carico glicemico e pral.

Il Carico glicemico o GL (Glicemic Load):

Il carico glicemico o Glicemic Road GL è un valore che permette di formulare una previsione sull’andamento della curva glicemica in seguito all’assunzione di un alimento o di un pasto complesso. I carichi glicemici pari a 1 corrispondono all’assunzione di un grammo di glucosio.

Il Pral (Potential Renal Acid Load)

Il PRAL di un cibo è calcolato in base al suo contenuto in proteine, fosforo, potassio, magnesio e calcio, tenendo conto delle capacità di assorbimento intestinale dei singoli microelementi. Gli alimenti a PRAL positivo sono quelli in cui prevale la componente acidificante, mentre quelli a PRAL negativo hanno un carattere alcalinizzante.

L’ alimentazione è per molti pazienti lo strumento iniziale per la cura di molti disturbi. L’ alimentazione prescritta dal medico non è uguale per tutti i pazienti, ma richiede una personalizzazione coerente con la storia clinica e l’analisi di composizione corporea espressa dal singolo.  Leggi tutto...