Dispnea e nutrizione clinica

Dispnea e nutrizione clinica

Dispnea

Dispnea

La nutrizione clinica è utile nella dispnea (asma) per limitare il danno prodotto dall’infiammazione cronica con strategie alimentari atte a abbassarla progressivamente. La dispnea (asma) è una malattia infiammatoria cronica dei bronchi caratterizzata da episodi ricorrenti di respiro difficile come se attraversasse un’ostruzione. L’atto respiratorio è sibilante, fischiante, vissuto con ansia, senso di soffocamento e tosse.Tali episodi si presentano in modo recidivante, intervallati da latenza clinica caratterizzata da un relativo benessere. La dispnea (asma) coincide con una risposta alterata delle vie aeree a numerosi stimoli più o meno specifici. Il termine dispnea (asma) è applicato come sinonimo di dispnea o mancanza di respiro. Tali condizioni patologiche non implicano però necessariamente dispnea (asma), ma potrebbero essere conseguenza di bronchiti, enfisema o scompenso cardiaco. La definizione di dispnea (asma) implica l’infiammazione cronica dei bronchi con carattere di broncospasmo, ovvero la contrazione spasmodica della muscolatura liscia bronchiale tale da determinare l’ostruzione per il respiro. La dispnea (asma) può essere una conseguenza di una sindrome infettiva delle alte vie aeree che discende verso i bronchi. La principale alterazione fisiopatologica che determina la dispnea (asma) è la riduzione del calibro delle vie aeree indotta da molteplici cause.   Leggi tutto...