Piorrea e omeopatia iniettabile

Piorrea e omeopatia iniettabile

piorrea

piorrea

L’ omeopatia iniettabile si applica nel trattamento della piorrea e con  infiltrazioni gengivali e su punti di agopuntura di rimedi naturali privi di effetti collaterali indesiderati. L’ omeopatia iniettabile consiste nell’infiltrazione di rimedi appositamente formulati, su punti di agopuntura indicati per gli obiettivi del trattamento. L’ omeopatia iniettabile appartiene in medicina biologica alle forti stimolazioni, senza per questo perdere la caratteristica elevata tollerabilità. La piorrea è una infiammazione dei tessuti gengivali, caratterizzata da gonfiore, arrossamento, calore e sanguinamento conseguenti all’accumulo di placca.  La piorrea è una patologia gengivale meno reversibile delle semplice gengivite, in quanto l’infiammazione non è più contenuta nella gengiva bensì coinvolge tutti i tessuti parodontali. Le specie batteriche che compongono la placca, depositandosi sulle superfici dure del dente, possono essere implicate nella piorrea .   Leggi tutto...

Melanconia e agopuntura omeopatica

Melanconia e agopuntura omeopatica

melanconia

melanconia

Per la melanconia si applica l’ agopuntura omeopatica come trattamento decontratturante e sedativo privo di effetti collaterali indesiderati. L’ agopuntura omeopatica consiste nell’infiltrazione di rimedi omeopatici iniettabili su punti di agopuntura indicati per gli obiettivi del trattamento. L’ agopuntura omeopatica appartiene in medicina biologica alle forti stimolazioni, senza per questo perdere la caratteristica elevata tollerabilità.  La melanconia è  una colorazione dell’ emotività espressa dal paziente, caratterizzata da un umore cupo e un deficit nell’ occuparsi bastevolmente di sé.  La melanconia è determinata dall’incapacità e dalla rassegnazione del paziente che culmina in un abbandono delle cure e attenzioni rivolte in precedenza a se stesso. Talvolta la melanconia è scatenata da un evento risentito come ” minaccia al proprio nido” e in tal caso si descrive come una condizione reattiva.  Leggi tutto...

Surmenage e alimentazione

Surmenage e alimentazione

Nella risposta adattativa a surmenage è utile l’ alimentazione corretta per valorizzare comportamenti alimentari contenitivi del danno. L’ alimentazione corretta è apprezzata per la sua efficienza senza effetti collaterali indesiderati. Nel trattamento della sindrome adattativa a surmenage si applica il controllo dell’ alimentazione per favorire le retroazioni ormonali coerenti con contenimento e recupero. L’ alimentazione corretta ha aperto l’interesse del medico verso una comprensione più ampia delle interazioni tra nutrizione e sofferenza umana. Prima di ogni trattamento in alimentazione è opportuno inquadrare il surmenage patito, in un contesto di personale risposta adattativa allo stesso. L’ alimentazione per il surmenage è applicata tramite una personalizzazione delle sequenze nutrizionali consigliate, coerenti con la risposta adattativa tipica di ogni singolo paziente.Alimentazione e surmenage Le risposte adattative a surmenage più comuni sono: insonnia, ansia, disturbi digestivi, alterazioni dell’appetito dolori, infiammazioni croniche e alterazione della risposta immunitaria. Si tratta solo di un elenco esemplificativo, perché la risposta del singolo dopo esposizione a surmenage può riguardare funzioni e tessuti biologici ulteriori. La’ alimentazione per il surmenage è una metodica complessa integrata in una terapia biologica che non necessariamente conclude. Preoccupazioni, mobbing, conflitti sospesi, scarso riposo, carenze nutrizionali e intossicazioni sono le cause principali che provocano in ogni individuo una sindrome adattativa a surmenage. A parte le complesse reazioni fisiche e emozionali a surmange, il volto è la parte del corpo che lo testimonia e lo rende almeno percepibile. La mimica del surmenage attraverso l’espressione e la comunicazione non verbale evidenzia l’ esposizione a stress. Questa condizione considerando i ritmi che caratterizzano la quotidianità, implica un numero sempre maggiore di persone, di tutte le età. Per contrastare efficacemente il surmenage può essere impegnata l’ alimentazione. Gli effetti possono essere gradualmente visibili e portano ad un miglioramento della risposta adattativa del paziente in surmenage è una diminuzione delle conseguenze emozionali e somatiche patite.

  Leggi tutto...

Biotekna BIA-ACC a Roma

 BIA-ACC Biotekna

Per eseguire trattamenti nutrizione clinica, agopuntura o omeopatia è opportuna la misurazione della composizione corporea tramite la strumentazione  BIA-ACC Biotekna. La misurazione della composizione corporea con strumentazione BIA-ACC Biotekna premette il monitoraggio e la personalizzazione della nutrizione clinica. Senza strumentazione i miglioramenti per il singolo paziente ottenuti sulla semplice rilevazione del peso corporeo sono ipotetici. Un calo di peso sulla bilancia prelevato dal comparto della massa magra FFM è un danno per il paziente rispetto a non eseguire alcuna dieta. Al contrario un aumento di peso sulla bilancia nel comporto della massa magra corrisponde a un bilanciamento più favorevole dei rapporti percentuali tra massa magra FFM e massa grassa FM. La bilancia misura pertanto una variabile insufficiente a qualificare il percorso nutrizionale svolto e pertanto è spesso fuorviante per il paziente.  Leggi tutto...

Bioimpedenziometria

Bioimpedenziometria

bioimpedenziometria

bioimpedenziometria

La bioimpedenziometria è un esame che permette di valutare il paziente in nutrizione o terapia rapida ed efficace e senza effetti collaterali significativi. La bioimpedenziometria è generalmente tollerata da pazienti di tutte le età. Un bioimpedenziometro è una strumentazione elettromedicale in grado di misurare la resistenza elettrica espressa da tessuti biologici secondo almeno tre diverse modalità di lavoro:  Leggi tutto...

Regmatex Biotekna

 Regmatex Biotekna

Regmatex

Regmatex

In molti trattamenti inclusi quelli di nutrizione clinica si affianca il biofeedback del segnale elettrodermico con strumentazione Regmatex.  Con il biofeedback, una precisa funzione corporea viene monitorata con l’uso di elettrodi o di trasduttori applicati sulla pelle del paziente. I segnali captati vengono elaborati ed reiniettati al paziente. Durante un trattamento con biofeedback si inietta al paziente uno stimolo elettrico a bassissima intensità e senza cessione di energia. Tale stimolo è una rimodulazione del segnale biolettrico prelevato.Il sistema del biofeedback è composto da tre blocchi essenziali:il prelievo o segnale di entrata,la sezione di Regmatex Biofeedback elaborazione elettronica e la formazione del segnale di uscita da reiniettare al paziente.

Questa terapia altera i flussi di scambio ionico tra ambienti intracellulare ed extracellulare, di fatto “polarizzando” la membrana delle cellule immerse nel tessuto stimolato.Per l’ intera durata del trattamento si emula il potenziale elettrico di una membrana cellulare integra. La regolazione del potenziale di membrana e determina anche una modulazione del sistema neurovegetativo, del sistema nervoso simpatico e dell’asse HPA. L’alterazione provocata dallo stimolo può quindi compensare le problematiche dovute ad una mobilità ionica difettosa, e permettere successivamente un riequilibrio e infine l’approvvigionamento di nutrienti da parte della cellula. Le applicazioni del biofeedback sono multeplici dal trattamento delle allergie, alla modulazione dell’asse HPA nei pazienti con stress.

elevato. Particolarmente utile risulta il biofeeback quale aiuto per i pazienti sottoposti a nutrizione clinica. Il biofeedback favorisce infatti il percorso di un paziente sottoposto a nutrizione clinica. Inoltre per l’effetto del biofeedback sul sistema neurovegetativo può essere impegnato in tutte le problematiche di tipo infiammatorio con o senza dolore. Il dispositivo impiegato nei trattamenti di biofeedback, denominato RegMatEx è prodotto dalla Biotekna srl e registrato presso il Ministero delle Salute, nella classificazione nazionale dei dispositivi medici, come sistema per il biofeedback del segnale elettrodermico CND: Z12062404.  Leggi tutto...

TBW Total Body Water, acqua totale

TBW Total Body Water, acqua totale

TBW

TBW

La nutrizione clinica misura la TBW Total Body Water, acqua totale nell’esame di composizione corporea per la valutazione e monitoraggio dei trattamenti. La composizione corporea può essere valutata con precisione tramite la diagnostica bioimpedenziometrica. L’esame è veloce, privo di effetti collaterali e ben accetto dai pazienti. I dati riguardanti la composizione corporea sono basilari per la comprensione della situazione nutrizionale e clinica del soggetto esaminato. Uno dei parametri verificati dalla bioimpedenziometria è la TBW Total Body Water o acqua totale.L’acqua totale rappresenta la percentuale complessiva dei fluidi corporei rispetto al peso totale del soggetto. Sono fisiologici i valori acquisiti dal paziente maschile se espressi in un range compreso tra il 60% e 70% del peso corporale complessivo.

Per un paziente femminile il range fisiologico è esteso tra il 55% e il 65% del peso corporale complessivo. I delicati compiti riproduttivi assolti dal femminile e la difficoltà biologica di procacciarsi cibo durante la riproduzione del mammifero determinano fisiologicamente una maggiore riserva di FM o massa grassa e pertanto una riduzione del range femminile di TBW. L’ acqua totale è per l’organismo l’espressione della sua salute. Le malattie, le cattive abitudini nutrizionali e l’invecchiamento biologico determinano nel tempo una dispersione di questo parametro della composizione corporea. L’età biologica in contrapposizione a quella anagrafica è dipendente dalla conservazione della TBW oltre che della FFM Fat Free Mass. La TBW è infatti una sub componente della massa magra. Il valore di TBW durante l’infanzia il valore arriva al 77% e diminuisce progressivamente con l’età e\o malattia. Valori inferiori alla norma indicata sono da riferire alle seguenti situazioni:

1) disidratazione,
2) perdita di massa magra
3) aumento della massa grassa
4) presenza di processi infiammatori cronici

Valori troppo bassi di acqua totale TBW Total Body Water incidono su tutte le funzioni biochimiche.  Leggi tutto...

MUS – Sintomatologia vaga e aspecifica

MUS – Sintomatologia vaga e aspecifica

MUS

MUS

La sintomatologia vaga e aspecifica MUS, Medically Unexplained Symptoms, è una categoria di disturbi non facilmente attribuibili a una diagnosi precisa. Si tratta di una problematica caratterizzata da crescente incidenza del fenomeno. Ciò comporta che i pazienti affetti da MUS  frequentino spesso gli ambulatori medici alla ricerca di un inquadramento diagnostico preciso e successiva terapia. I MUS implicano per i medici generalisti e specialisti una gestione dispendiosa e complessa. Una strategia nutrizionale bilanciata rispetto alla risposta glicemica e al PRAL delle ventiquattro ore può contribuire alla gestione di MUS. L’ insorgenza dei MUS, Medically Unexplained Symptoms, è dovuta ad un elevato numero di cause tutte confluenti a livello metabolico in una destrutturazione di massa magra preferibilmente operata nel comparto della massa magra.  Leggi tutto...

Composizione corporea

Composizione corporea a Roma

I parametri della composizione corporea sono impegnati in nutrizione clinica per la valutazione e il monitoraggio dei pazienti. L’esame è svolto tramite l’apparecchio BIA ACC, dispositivo medico diagnostico non invasivo conforme alla direttiva europea sugli apparecchi elettromedicali prodotto da Biotekna s.r.l. e registrato al Ministero della Salute classificazione nazionale dei dispositivi medici, come analizzatore d’impedenza corporea CND: Z1209901. Il dispositivo  in grado di acquisire i dati della composizione corporea del paziente con un test bioimpedenziometrico ed elaborare i seguenti parametri:  Leggi tutto...

PA Phase angle Angolo di fase in nutrizione clinica

PA Phase angle Angolo di fase in nutrizione clinica

PA Phase angle

PA Phase angle

Il PA Phase angle Angolo di fase è un parametro dell’analisi di composizione corporea utilizzato in nutrizione clinica. La composizione corporea può essere valutata con precisione tramite la diagnostica bioimpedenziometrica. L’esame è veloce, privo di effetti collaterali e ben accetto dai pazienti. I dati riguardanti la composizione corporea sono basilari per la comprensione della situazione nutrizionale e clinica del soggetto esaminato. I parametri principali dell’esame di composizione corporea sono: massa magra FFM, massa grassa FM, acqua totale TBW, acqua intracellulare ICW e acqua extracellulare ECW. Angolo di fase phase angle pa.   Leggi tutto...